Assemblage – 2004 – Bruno Paillard

90,00

Disponibilità: Solo 2 pezzi disponibili

Millésime 2004 di Bruno Paillard, Assemblage. Per la prima volta, non vede nel suo assemblaggio il Pinot Meunier, ma solo Pinot Noir e Chardonnay, provenienti da 9 Cru dei quali Paillard non ha voluto rivelare né i nomi, né le proporzioni.

Assemblage 2004
52% Pinot Noir, 48% Chardonnay; dosage 5 g/l
dég. mar. 2013 – Ho sempre preferito il Blanc de blancs all’Assemblage, ma stavolta… Il naso, infatti, è bello ricco, grasso ma elegante allo stesso tempo, fruttato e agrumato, arricchito da spunti di spezie, cioccolato bianco e frutta secca, oltre al sottofondo minerale… Insomma, promette molto, molto bene. E mantiene, perché l’assaggio ha un attacco polposo fruttato, prima di una progressione figlia non tanto dell’acidità, quanto di una mineralità marina che dona una gustosa sapidità. Non mancano spunti di orzo e un finale pulito e asciutto, valorizzato da una bollicina molto fine. Un gran bello champagne, soprattutto completo in quanto ha sia acidità, sia struttura. (da Lemiebollicine.com)

Bruno Paillard

Reims – Francia

La Maison di Champagne Bruno Paillard nasce dal desiderio di un uomo di creare uno champagne puro, molto diverso dagli altri. Bruno Paillard, discendente da una famiglia di mediatori e vigneron, in Champagne da più di tre secoli, crea nel 1981 la propria Maison. La sua esigenza: ottenere la quintessenza di ogni grande cru della Champagne per poi creare con l’assemblaggio un grande vino. Il risultato sono delle cuvée per connaisseur tra le più riconosciute a livello internazionale, distribuite esclusivamente in enoteche selezionate e sulle tavole dei migliori chef. Questo lavoro quotidiano si poggia sul lavoro di un vigneto di 34,2 ettari, che diviso su 17 cru, oggi fornisce più della metà del fabbisogno di uva della Maison. Ognuna delle 106 parcelle è lavorata -lavorazione del suolo e trattamenti organici- in modo da favorire la biodiversità e lo sviluppo profondo delle radici. Questo permette di estrarre la tipicità gessosa straordinaria dei territori. Solo la prima spremitura dell’uva migliore è usata per essere vinificata. In cantina poi la permanenza sui lieviti è lunga, da due a cinque volte superiore rispetto alla media, in funzione della tipologia della cuvée. Tutti i vini sono extra brut, la data di sboccatura è sempre scritta sulla contro-etichetta e lo stile è riconosciuto come l’insieme della purezza, della complessità e della mineralità. La Maison Bruno Paillard è totalmente indipendente e gestita dal fondatore e dalla figlia Alice che continua nel progetto originale.

Peso 1.660 kg
Dimensioni 8 × 8 × 32 cm
Produttore

Bruno Paillard

Anno

2004

Capacità

0.75 L

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Torna su