blog bisson

In fondo al mar …

In Fondo al mar …

Gennaio 2020, ho qualche giorno di pausa per l’epifania.

E’ già qualche tempo che ho voglia di scoprire Genova, mi ha sempre incuriosita. Mi sono sempre chiesta, se quella città sul mare, attraversata dai ponti e dall’autostrada, potesse essere bella.

Nei pochi giorni che ho trascorso nella repubblica marinara, ho scoperto che Sì, Genova è una bellissima città e una volta che sei immersa nei carrugi, non ti accorgi nemmeno del traffico.

Ma come posso io, fare un viaggio in Italia, senza scovare un produttore di vino? Magari innovativo e moderno, come Piero Lugano. Un sommelier, che ha saputo coniugare il suo amore per il vino con la passione per il mare.

Il sig.Lugano produce molti vini, sul golfo del Tigullio, ma è diventato famoso per i sui spumanti. Prodotti in 3 categorie, ma tutti con un comun denominatore , ovvero riposano in fondo al mare !

Sub esperto, cala i pallet pieni di bottiglie di vino in fondo al mare, nella baia del silenzio, a due passi da Portofino.

La giornata in cui recupera il vino è una grande festa, con giornalisti, televisioni e appassionati.

In Azienda , questo passaggio è molto enfatizzato, sia nella sala degustazione, sia in cantina. C’è poi la sala ristorante,ancora in ristrutturazione, che ospiterà 2 enormi acquari. Le bottiglie di Abissi vengono etichettate, mantenendo i detriti marini. Se siete fortunati(?) potrete trovare anche una piccola stella marina sulla bottiglia.

Mossa di Marketing? Sicuramente sì, tutto in azienda è sviluppato per l’accoglienza enoturistica. Il vino ci guadagna? Forse, sicuramente ne esce trasformato,diverso da uno spumante qualunque. A mio giudizio sembra maturato più velocemente.

Sono rimasta molto colpita dagli altri vini. Il Pigato è un buon vino, non eccessivamente grasso. Non conoscevo il Cimixià, vitigno autoctono bianco del golfo del Tigullio.

Fra i rossi ho apprezzato la Granaccia, ovvero il cannonau o alicante, ma ligure. La potenza alcolica di 14%, alta si ma non rangiunge i gradi del suo cugino sardo.

Se vi fermateda loro, potrete assaggiare i vini accompagnandoli con una focaccia meravigliosa, e ottimi formaggi. Ma tutto a pagamento.

Tornando verso Genova, mi fermo a vedere il mare, la giornata è talmente bella,e calda, che non posso resitere a bagnare i piedi in acqua.

Ora sono pronta per i musei, la mostra di Bansky, i ristorantini nei Carrugi e lo shopping nei mercatini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su