Una gita invernale a Dogliani, da Marziano Abbona

Una gita invernale a Dogliani, da Marziano Abbona

Trovo che le colline intorno a Barolo, abbiano un enorme fascino anche in inverno.
A me basta , solo passarci davanti per sentirmi bene. Non per nulla anche l’UNESCO se n’è accorta, nominando queste colline patrimonio dell’umanità.

Destinazione della mia gita era Dogliani, subito dopo Barolo e Monforte. lungo la strada abbiamo incontrato il gota delle aziende baroliste, senza fermarsi ahimé.

Ma noi andavamo da Marziano Abbona. La sua cantina, è nascosta … bisogna fare un po’ di stradine di campagna, per arrivarci. La cantina è moderna, ristrutturata da non molto tempo. Una bella costruzione tonda, con tante finestre, per far entrare la luce solare.

Ci riceve direttamente Marziano, un signore molto simpatico e sincero, uno cresciuto sui campi a seguire le vigne. Dopo la descrizione ufficiale dell’azienda e dei vino prodotti, prende confidenza, e incomincia a parlare con più naturalezza.
Dei numerosi riconoscimenti pare non importagliene, ma poi aggiunge : benvengano, mi fan finire il vino…
Ho assaggiato il famoso dolcetto di Dogliani, dedicato al padre “Papà Celso”, la barbera, il barolo e il barbaresco 2001
Il cinerino, un viogner in purezza, bevuto in 2 annate, il 2010 e il 1995, il primo anno di produzione del vino. Il viogner è sicuramente un bianco longevo !!

Il barolo 2006, il tanto osannato 95/100 per wine spectator, non era niente se paragonato al 2001… forse ancora troppo bambino

Gli abbinamenti seguiti dalla simpatica moglie, erano veri piatti della cucina casalinga piemontese, i plin, i peperoni con la bagna cauda, eccezionale il cappone ruspante, del loro cortile.
Che dire è stata una bella giornata, nonostante la neve …
è importante vedere dove si fa il vino, e parlare con chi fa il vino, il vero vino.

La visita è stata fatta a febbraio 2012, per questo le date dei vini bevuti potrebbero sembrarvi un po’ vecchi … In questo momento, ovviamente le visite sono ferme, per cui devo tenere a bada la mia curiosità di vedere dove si fa il vino …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su